Campeggio libero in Sicilia | Regolamento e divieti - Zen Hikers
Campeggio libero

Campeggio libero in Sicilia | Regolamento e divieti

Hai deciso di visitare la splendida Sicilia e magari stai valutando di girarla tutta con un viaggio itinerante? Oppure vivi sull’isola e vuoi passare qualche giorno in tenda con gli amici ma non hai chiaro se sia effettuabile il campeggio libero? Vediamo con questo contenuto cosa dice la legge regionale sul campeggio e cosa è concesso sul territorio.

 

 

 

 

Si può fare campeggio libero in Sicilia?

[torna all’indice dei contenuti]

Come abbiamo già indicato per altre regioni, il campeggio libero in Italia è per lo più vietato o al massimo temporaneo con limiti di 24/48 ore. E come già specificato, ogni regione ha una sua legge che disciplina i camping, le strutture turistiche all’aperto e il campeggio temporaneo e/o itinerante in tutte le sue configurazioni.

La Regione Sicilia, come le altre regioni, ha emanato una propria legge in materia di turismo all’aria aperta. La norma che dà disposizioni sul campeggio e sulle strutture ricettive dedicate è la legge regionale n°14 del 13 marzo 1982 “Disciplina dei complessi ricettivi all’aria aperta”, modificata successivamente dalla LR n°13 del 6 febbraio 2006.

La legge in questione fa principalmente riferimento ai campeggi/villaggi e alle aree di sosta interne a essi. Ma nell’articolo 2 è scritto che dove non fossero presenti campeggi il comune può provvedere a istituire aree dedicate e nella modifica del 2006 al comma 7 viene aggiunto il comma 7 bis riportato qui sotto:

I comuni sprovvisti di campeggi, per consentire la sosta di caravan, autocaravan, camper e simili mezzi mobili di pernottamento al di fuori dei campeggi di cui alla presente legge, possono istituire aree attrezzate, riservate esclusivamente alla sosta temporanea e al parcheggio di tali mezzi, compatibilmente con i loro strumenti urbanistici, o autorizzare privati alla realizzazione e alla gestione di tali aree.

L’Articolo 15 che tratta l’argomento dei “Campeggi mobili occasionali” invece asserisce che:

Le disposizioni della presente legge non trovano applicazione per i campeggi mobili
occasionalmente organizzati per brevi periodi da associazioni che abbiano per fine
istituzionale anche la pratica dello sport e del turismo in caso di manifestazioni
eccezionali. Sarà in ogni caso necessario chiedere l’autorizzazione al comune
interessato, fatte salve le norme riguardanti la pubblica sicurezza e i requisiti igienico –
sanitari essenziali.

A questi due articoli e a questa legislazione va aggiunta anche la legge regionale 10/2005, dove si disciplina il turismo itinerante. Nell’articolo 13 si legifera che:

1. Al fine di incentivare il turismo itinerante, la Regione ed i comuni, d’intesa con le
amministrazioni locali e le associazioni di camperisti, possono provvedere
all’assegnazione di apposite aree da destinare all’accoglienza dei camper.
2. Le aree da destinare a “camper service” sono classificate come verde attrezzato.

Oltre a ciò è stato emanato un regolamento che prevede per la Regione Sicilia la sosta del campeggio libero per non oltre le 24 ore.

Facendo riferimento a queste norme e a questi regolamenti, si può dire che il campeggio libero in Sicilia è possibile solo in aree attrezzate istituite dai comuni per un massimo di 24 ore. Occorre anche contattare l’ufficio turistico o il comune di destinazione per chiedere informazioni sulle norme vigenti (quindi su possibili modifiche al ddl) e per richiedere un’eventuale autorizzazione.

 

 

Regole parchi regionali siciliani

[torna all’indice dei contenuti]

In Sicilia i Parchi sono 4: il Parco delle Madonie, Parco dei Nebrodi, Parco dell’Etna e il Parco Fluviale Alcantara. Ognuno con un proprio regolamento interno. I parchi regionali e le riserve spesso hanno un loro regolamento interno e a volte dedicano degli spazi per montare una tenda o delle aree attrezzate per svolgere del campeggio libero. Vediamo cosa è possibile fare nei parchi siciliani.

 

Parco Naturale delle Madonie

[torna all’indice dei contenuti]

Nella provincia di Palermo, nel cuore dell’Appennino siciliano, è situato il Parco delle Madonie. Un luogo dell’isola dove si può trovare uno dei paesaggi più belli di sia dal punto di vista geologico che geomorfologico. Questa sua caratteristica e la ricchezza di siti geologici importanti, ha fatto si chi che il parco prima è entrato a far parte del network European Geopark (2003), per poi essere inserito nella Rete di geoparchi globale dell’UNESCO.

Nel Parco delle Madoine è permesso l’escursionismo nelle sue varie forme, raccogliere funghi, frutti del bosco e del sottobosco, nel rispetto delle norme comprese nel regolamento dell’Ente Parco, ma è vietato il campeggio. Per tutte le attività concesse è necessario richiedere l’ autorizzazione preventiva contattando l’ente. (Regolamento parco, leggi e norme).

 

Sito: Parco delle Madonie

Corso Paolo Agliata, 16 Petralia Sottana (PA)

Telefono: 0921684011   Email: parcodellemadonie@pec.it o modulo contatti


Campeggio libero in Sicilia nel Parco dell’Etna

[torna all’indice dei contenuti]

Il Parco dell’Etna è sicuramente un ambiente naturale unico, dove visitare le oltre 200 grotte di scorrimento lavico (grotta dei Lamponi, grotta di Gelo ecc) presenti in un territorio vastissimo di  59000 ettari. Ma anche dove effettuare bellissimi trekking accompagnati dalle le guide locali, alla scoperta di uno strepitoso paesaggio che cinge il vulcano attivo più elevato del continente europeo.

In merito al campeggio libero al Parco dell’Etna, il regolamento dice che è permesso il campeggio solo nelle aree attrezzate o i bivacchi nei rifugi presenti.

Si può fare escursionismo, ma se questo è praticato in gruppo per una vista ai siti riconosciuti di valore, può essere svolto solo con un accompagnatore autorizzato dall’ente. Invece, se le escursioni sono in mtb non più di 10 persone e solo di giorno.

Per tutte le attività concesse e per avere informazioni dettagliate è necessario mettersi in contatto con l’ente parco.

 

Sito: Parco dell’Etna

Via del Convento, 45 Nicolosi (CT)

Telefono:  095821111 Email: parcoetna@pec.it o modulo contatti


Parco Naturale dei Nebrodi

[torna all’indice dei contenuti]

Il Parco dei Nebrodi si trova tra la provincia di Messina e quella di Palermo, nella zona settentrionale dell’isola. È considerato il parco protetto più esteso della Sicilia. Un bellissimo territorio dove effettuare delle suggestive escursioni e se si è fortunati ammirare il volo dell’Aquila reale o dei Grifoni.

Come per il Parco delle Madoine, anche nel Parco dei Nebrodi, è permesso l’escursionismo nelle sue varie forme, raccogliere funghi, frutti del bosco e del sottobosco, nel rispetto delle norme comprese nel regolamento dell’Ente Parco, ma è vietato il campeggio. (Regolamento e normative)

Per tutte le attività concesse è necessario richiedere l’ autorizzazione preventiva contattando l’ente parco.

 

Sito: Parco dei Nebrodi

C.da Pietragrossa – SS 113 km.140+650 – Caronia (ME)

Telefono:  0921333015  Email: info@parcodeinebrodi.it


Sicilia: Campeggio libero al Parco Fluviale Alcantara

[torna all’indice dei contenuti]

In una parte di territorio siciliano che si suddivide tra le provincie di Messina e Catania, è presente un interessante e affascinante bacino fluviale dove scorre il fiume Alcantara. Questa zona nel 2001 è diventata quello che oggi è conosciuto come Parco fluviale Alcantara.

Un parco dove praticare diverse attività all’aperto e sport a contatto con la natura sempre nel rispetto dell’ambiente in cui vengono svolti. Trekking sui diversi sentieri del parco, escursioni a cavallo, rafting e molte altre.

Come scritto nel regolamento del parco all’art. 4.4, nel territorio del parco fluviale Alcantara è vietato fare campeggio libero fuori dalle aree attrezzate ed è consentito il bivacco nelle ore notturne dove non è presente un rifugio o altre strutture dedicate. Contattare comunque l’ente per maggiori informazioni.

 

Sito: Parco fluviale Alcantara

Via dei Mulini  Francavilla di Sicilia (ME)

Telefono:  0942388020  Email: info@parcoalcantara.it

 

Il campeggio libero in Sicilia è per lo più vietato nelle spiagge e nelle riserve naturali.

 

Potrebbe interessarti anche: Tour in moto di 7 giorni in Sicilia con escursione Etna

 

Le indicazioni sono a scopo informativo, se conosci altri regolamenti sul campeggio libero o leggi diverse da quelle esposte (per la Sicilia) indicale nei commenti sotto. Potrebbero esserci aggiornamenti, modifiche delle norme o semplici errori di trascrizione. Approfondisci sempre i testi di legge ufficiali.

 

Ricorda di seguire Zenhikers.it sui canali social e di condividere gli articoli più utili e interessanti. Un piccolo gesto che ci permetterà di crescere e migliorare insieme.

Buon camping Zen Hiker!

 

Foto in evidenza di Johnny_Fotografico – Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *